DENON DN-SH5500: La Nuova Macchina da Sogno…. o da incubo.

Da quando la puntina appoggiava sul disco in vinile, se ne è fatta di strada.
Negli ultimi tempi la tecnologia sta facendo passi da gigante, imponendo, o
comunque proponendo con grande passione, nuovi standard per il lavoro del dj:
grande tecnologia al servizio della fantasia e creatività del dj, con grandi
possibilità di "suonare" o "mixare" la musica a proprio piacere e gusto, senza
togliere una certa "manualità" che è una caratteristica fondamentale, a mio
parere, dell’arte di fare il disc-jokey.
Seguendo questa filosofia, oggi Denon presenta sul mercato la sua nuova
nave ammiraglia, il DN-HS5500. Una macchina "infernale" al primo sguardo,
che fa capire le enormi potenzialità a cui si trova davanti il professionista, e
che può spaventare o comunque mettere in guardia il neofita.
Tutto al centro dell’attenzione di chi ci deve mettere le mani sopra, così si
presenta la nuova macchina Denon: un grande schermo in alto, un grande piatto
"vinil style"
al centro, un bello slider di fianco per la regolazione del
pitch, due bei pulsanti principali in bella vista per le funzioni di start e
stop e un contorno di pulsanti comodi, ognuno con una o più funzioni ben
specifiche. Il tutto incastonato in uno "chassis" bello e robusto a cui ci ha
già abituato da tempo la Denon nel campo professionale. Insomma anche se tanto
"ben di dio" ci può spaventare, si ha subito l’impressione che comunque ogni
tasto sia al suo posto giusto.
Dopo il successo del DN-S5000 e del DN-S3500, devo dire che tra
gli addetti ai lavori ci si aspettava da Denon qualcosa di nuovo che unisse le
funzioni e il touch-feeling di entrambi in una sola macchina. Denon ha
fatto di più. Queste sono le caratteristiche fondamentali di questa nuova
macchina:
– 2 lettori in 1, ovvero la possibilità si suonare indipendentemente, e
volendo anche su uscite separate, due brani contemporaneamente sullo stesso
lettore, offrendo tutta la potenza e creatività che si ha a disposizione per
ogni singola piattaforma.
Ma non solo, se si usa come controller midi di
software esterni (Pcdj, Serato, Traktor…), anche qui si possono
sfruttare le potenzialità e i controlli per gestire 2 lettori in 1.
 

– Il piatto centrale è qualcosa di semplicemente fenomenale, che toglie
ogni dubbio a chi rimpiange il tatto di buon vecchio piatto analogico: piatto da
12 pollici, con una potenza di torsione di 2.5 Kg/cm, una velocità
di partenza della rotazione di 0,5 secondi (lo start della musica è
0.02 sec)
. Il dj può liberamente usare questo piatto come se stesse mettendo
le mani su un piatto analogico. E per i più pignoli la velocità di rotazione del
disco, per comodità, può essere addirittura cambiata da 33 a 45
giri.
– Hard-disk Modulare
Il DN-HS5500 offre la possibilità di memorizzare tutta la libreria dei
brani in un hard disk interno da 2.5"HDD con facile accesso dal pannello
anteriore per eventuale sostituzione.
– Connessione Usb
Nessun problema di connessione con qualsiasi dispositivo esterno. Basta una
porta USB 2.0 per poter connettere il vostro Ipod, hard disk esterno,
memoria usb
, e collegarne fino a 4 contemporaneamente con un hub usb
(venduto separatamente)

– Midi Controller
Il DN-HS5500 è più di un player, è già pensato e realizzato per
interfacciarsi con i più popolari programmi per DJ che utilizzano lo standard
USB MIDI in/out
. Gestire il proprio software preferito e la propria
libreria su hard disk con il proprio lettore non è più fantascienza.
A queste funzioni appena descritte aggiungete un largo display da 3,8"
che può offrirvi la visualizzazione di brani sia in single che in dual
display
, una interfaccia audio USB ASIO, la possibilità di collegare
una tastiera USB per gestire la ricerca dei file e la creazione di
playlist
, una utility appositamente studiata per gestire e trasferire
comodamente file dai dispositivi esterni, un software per gestire la libreria
con un Pc esterno, e non per ultimi i "soliti" grandi effetti e funzioni (loop,
effect, scratch, ecc ecc)
a cui ci ha ben abituato Denon con i lettori
5000 e 3500
.
Insomma che dire, la macchina dei sogni. Senza dubbio.
Solo che nella foga di smanettare su questa meraviglia tecnologica, non mi sono
accorto di una cosa fondamentale:
ma dov’è il buco per infilare i cd? Che i tecnici di una azienda tanto seria
come la Denon si siano dimenticati di una cosa tanto importante? Non penso.
Questa ormai è la strada che tutti i produttori di apparecchiature per dj hanno
intrapreso.
Serato, Rane, Pioneer, Denon, Numark, Makie, NI, Korg e via dicendo,
tutte le case di software, apparecchiature e mixer hanno nei loro cataloghi
queste nuove apparecchiature che prevedono l’utilizzo della musica in formato
digitale (wave o mp3)
.
Ed ecco che la mia macchina dei sogni diventa subito un incubo. Già perché siamo
in Italia e l’attuale obsoleta, retrograda ed antiquata legislazione non prevede
questo utilizzo della musica nel campo della professione dj. Per cui vedremo
solo i nostri colleghi americani o europei o anche asiatici poter usare queste
apparecchiature (già lo fanno), e noi saremo "penalizzati e discriminati" da una
legge italiana che risale ai tempi del grammofono. Intanto però la pirateria e
l’utilizzo illegale continua, e mi chiedo fino a quando dovremmo aspettare per
poter utilizzare legalmente la musica digitale per il nostro lavoro, potendo
usare liberamente tutte le tecnologie a disposizione???
Per il momento non ci resta che rassegnarci, o prendere esempio da poco
lodevoli, ma a quanto pare efficaci, iniziative tipo dei taxisti o dei
camionisti. Ma siamo davvero così ridotti male in Italia? Lascio a voi i
commenti e le risposte.
Io ne approfitto per augurarvi Buon Natale, e che il 2008 porti finalmente
qualcosa di buono.

Alla prossima
Pepe Bassan

Pepe Bassan

Lascia un commento

SHARE
Previous articleIndestructible Spirit
Next articleLa Reina Peinandose

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here