MARIANO CANTERO: FOLK ARGENTINO, CLASSICA, JAZZ, BOSSA E AFRO

Nel n.3 – Novembre 2009 – del nuovo mensile BATTERIA & Percussioni, il multi percussionista Mariano Cantero parla degli strumenti musicali e dei principali linguaggi ritmici tradizionali e moderni del Sud America. Ma puntando i riflettori soprattutto su quelli ricombinati in chiave contemporanea da ACA SECA Trio, gruppo vocale-strumentale formato da tre giovani artisti argentini: il chitarrista Juan Quintero, il tastierista Andrés Beeuwsaert e il percussionista Cantero, che ho intervistato per il periodico sopra citato.

Dalla simpatica chiacchierata – raccolta al Bravo Café di Bologna, sede della tappa emiliana del primo tour italiano dell’Aca Seca per il lancio dell’album La Musica y La Palabra (Sud Music – distr.Egea) – estrapoliamo un frammento della risposta di Mariano che presenta il terzetto, iniziando dal curioso significato del nome:

«Aca è una parola di origine quechua, un dialetto di una lingua molto antica che si parla in Bolivia, in Perù e nel nord dell’Argentina, mentre nella capitale, Buenos Aires, non si conosce affatto. Tale vocabolo si riferisce a escrementi e …vuol dire ‘merda secca’, che, come tu dicevi, porta fortuna ma è anche un efficace abono, ossia fertilizzante naturale. …Ci siamo conosciuti in un modo molto casuale quando eravamo studenti di musica alla Facoltà di Belle Arti nell’Università de La Plata. Un giorno in un incontro studentesco si è presentata l’opportunità di suonare assieme la canzone Vidala de las Estrellas di Jorge Fandarmole, … quella è stata la scintilla per fondare il trio».

Ringraziamo la direzione di BATTERIA & Percussioni per l’utilizzo di questo breve testo tratto dall’intervista:Mariano Cantero, i ritmi del folclore sudamericano rinvigoriscono con l’Aca Seca. La rivista è in vendita in tutte le migliori edicole italiane.
Foto: Gian Franco Grilli

Gian Franco Grilli

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here