BOBBY VALENTIN Vuelve a la Carcel

Nel 1974, il bassista Bobby Valentín registrò il suo primo disco dal vivo nel Penitenziario Statale di Rio Piedras, Porto Rico. Il disco, pubblicato nel 1975, presentò le voci di Marvin Santiago e di Frankie Hernández chi vennero consacrati grandi cantanti dai salseros grazie a canzoni quali Dos Soneros e Prestame Tu Caballo.

Ventotto anni dopo, il bassista più famoso delle Stelle della Fania tornò nello stesso posto per registrare un nuovo disco con la sua orchestra e con l’invito accolto da vari cantanti famosi. La produzione presenta due compact disc, un totale di 15 temi e un tempo totale di cento minuti di pura energia. Valentín presenta una serie dei brani che meglio lo hanno identificato nei suoi 37 anni da direttore della sua orchestra.

Composizioni come: Il Jíbaro e La Naturaleza, El Muneco de la Ciudad, La Bellezza del Son, el Caiman e Canterè con Una Orquestra, tra l’altro, le si ascoltano rinnovate, merito della voce dei coristi invitati. Cantanti come Cheo Feliciano, Rubén Blades, Luigi Texidor, Marvin Santiago e Charlie Aponte del Gran Combo,si risaltano come “soneros del pueblo”. E come se ciò non fosse sufficiente, completano l’opera le voci temperate di Wichi Camacho, Héctor I. Rivera.

e quella del sempre squisito Josué Rosado. E chi vuole ancora di più, si goda gli assoli dei grandissimi percussionisti Giovanni Hidalgo, Roberto Roena e il sabor del pianista Papo Lucca. Le sonorità sono buone . Il titolo di nobiltà dell’l’orchestra, che risente degli arrangiamenti di Valentín, è eccellente. Inoltre, porta una pubblicazione con più di 20 pagine che include foto e la biografia dettagliata del bassista.

Le note del disco, redatte da José Estévez Martínez, rappresentano un disco di riferimento obbligato per tutti coloro che si vantano di essere veri salseri. Infine, “Vuelve a la carcel” è una delle migliori produzioni di salsa di 2002.

DJ Ramirez e DJ Zoro

Lascia un commento

SHARE
Previous articleMaelo
Next articlellegò Mezcla Latina

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here