Ruben Blades: “Il reggaeton, il concerto e tre progetti nel cassetto”

L’astro della salsa, nonché Ministro del turismo del governo
panamense Rubén Blades ha affermato che il reggaetón, il genere musicale più
popolare tra gli attuali giovani latini, ha origini proprio a Panama .
Il coinvolgente ritmo trova i suoi principali esponenti in Puerto Rico, ma
Blades sostiene che le origini risalgono alla decade degli anni 80 quando
panamensi come “El General, Nando Boom e Renato” rivoluzionarono la scena
musicale che allora era dominata da ritmi salsa e merengue.
"Lo stesso Daddy Yankee ha citato a Nando Boom come uno dei suoi ispiratori", ha
ricordato Ruben Blades nel corso della conferenza stampa.
Il ministro considera che questo stile di fare musica è un modo per i giovani di
esprimersi, per questo il reggaeton si stà trasformando in "fenomeno urbano" con
un potente "potere di coinvolgimento."
Per questa ragione nel tabellone dei musicisti che parteciperanno alle
manifestazioni del carnevale nella città del panamense, dal 16 al 20 di
febbraio, ci saranno astri del genere come Don Omar, Tego Calderon, Wisin y
Yandel.
Inoltre, ha confermato le presenze di Gilberto Santa Rosa, Andy Montañez, gruppo
Niche, Los Van Van, Rey Ruiz, Richie Ray e Bobby Cruz, Wilfrido Vargas ed Il
Gran Combo che questo anno compie 45 anni di carriera.
Questo carnevale rappresenterà il ritorno sulla scena dello stesso Blades che
farà la sua prima apparizione davanti ad un numerosissimo pubblico da quando nel
settembre del 2004 assunse l’ incarico di Ministro.
Incarico che lo tenne lontano dalla musica, alla quale ricordiamo non hai mai
detto no. Difatti pare che stia preparando tre diversi progetti musicali, uno lo
ritiene ambizioso perché prova a unire stili diversi coinvolgendo musicisti
argentini, l’altro potrebbe essere un nuovo disco con dieci brani inediti che
tiene nel cassetto e il terzo è un progetto iniziato ma non ancora finito con
Cheo Feliciano.
 

Beppe Nebbia

Lascia un commento

SHARE
Previous articleEn Vivo…. Y Algo Mas
Next articlePa ‘ La Calle

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here