Milano Latin Festival: anche quest’anno Milano avrà la sua ‘isola caraibica’

0
4387
Milano Latin festival 2018
Milano Latin festival 2018

Da ormai 28 anni i latini residenti a Milano e i milanesi sanno che pur restando in città, potranno trascorrere le vacanze ai Caraibi. Non ci sarà il mare (ci stiamo ancora lavorando!), ma di sicuro anche quest’anno ci saranno i colori, i sapori, e soprattutto la musica e i balli dell’America Latina per regalarci e farci vivere per ben 66 giorni l’illusione di trascorrere qualche ore di vacanza dall’altra parte del mondo, senza muoverci da Milano.

È stata presentata allo Spazio TIM di Milano la quarta edizione del MILANO LATIN FESTIVAL, la kermesse che animerà l’estate milanese dal 14 giugno al 18 agosto 2018 dalla storica location di Assago: 15.000 mq di colori, musica, cultura e profumi dell’America Latina nel Parcheggio ATM di Milano Fiori (facilmente raggiungibile anche con la metropolitana). Un programma ricchissimo, che abbraccia la musica, la cultura, la gastronomia dei Paesi dell’America Latina.

Questa è la quarta edizione sotto l’egida di Fabio Messerotti, che nel 2015 non potendo sopportare che Milano restasse senza il suo Festival, l’evento più atteso ogni estate, convinse il suo socio, Roberto Bruno, a raccogliere l’eredità di Pepe Fabiani, patron del LatinoAmericando, che per oltre vent’anni era stato il Festival per eccellenza di Milano.

Fabio Messerotti - Direttore Generale MLF
Fabio Messerotti – Direttore Generale MLF

Un’idea coraggiosa e rischiosa, perché significava ripartire da zero. E infatti il primo anno è stato difficile, tanto che Fabio, deluso ed amareggiato, oltre che dalle perdite, dalle dure critiche di chi, invece di ringraziarlo, paragonava il suo ‘bambino appena nato’ all’evento maturo degli anni precedenti, notando solo le mancanze e non gli sforzi.

Ma la sua passione e il suo entusiasmo – qualità che lo stesso Fabiani riconosceva a Fabio Messerotti, come ha ricordato con grande commozione – lo hanno spinto ad andare avanti. Il 2016 è stato un anno di alti bassi, ma ancora di tante notti insonni. Col 2017 si comincia a vedere il sole, a capire che la strada intrapresa è quella giusta. E arriviamo al 2018, “l’anno zero”, lo definisce Fabio.

Nieves Machado - Responsabile Ufficio Cultura e Istituzioni MFL
Nieves Machado – Responsabile Ufficio Cultura e Istituzioni MFL

Quest’anno tre grandi problemi del Festival sono completamente risolti: ci si lamentava del costo del parcheggio a 6 euro, ora costa 2; ci si lamentava delle zanzare, sono stati acquistati i macchinari per fare la disinfestazione tutte le sere; ci si lamentava del fatto che chi non era interessato ai concerti doveva pagare comunque di più, anche solo per andare al Festival, quest’anno l’area concerti è recintata così solo chi vuole assistere al concerto paga un ingresso più alto.

Non solo quest’anno i concerti tornano ad essere di primissimo livello, con artisti come Bud Banny, Prince Royce, Habana de Primera, Willy Colon, Grupo Niche, LaMaxima79, Daniela Mercury (sono solo alcuni dei nomi più significativi). I biglietti per i concerti sono in prevendita on line ma acquistabili anche il giorno stesso. Tavoli lato e fronte palco acquistabili SOLO on line.

L’estate al Milano Latin Festival 2018 offrirà numeri da capogiro: 35 concerti live di alcune fra le più grandi stelle della musica latina, 14 gruppi di musiche e danze tradizionali per la grande festa d’inaugurazione, 7 Feste Nazionali, 16 eventi culturali nelle settimane dedicate ai diversi Paesi, 21 manifestazioni folkloristiche, un maxischermo da 30 mq per tifare insieme alle partite dei Mondiali di calcio, 4 ristoranti, 4 punti degustazione dove gustare tutte le sfumature della gastronomia dell’America Latina, 5 disco & cocktail bar e 5 Piazze da Ballo diverse per provare tutta la musica dell’America Latina in un colpo solo!

Per quanto riguarda la gastronomia, nel dettaglio troverete il ristorante argentino “La Parrilla Gordita”, la cucina tradizionale brasiliana della “Churrascaria Fogo na Brasa”, il Restaurante cubano “La Guantanamera”, la tradizione gastronomia della Repubblica Dominicana al “Ristorante Dominicano”, le degustazioni brasiliane al “Rinconcito del Sabor”, le specialità nordamericane di “Route 66”, le speciali degustazioni di cucina messicana di “Cielito Lindo”, i piatti tipici peruviani di “El Punto”, il chiringuito venezuelano “Churritos”, il “Disco Bar Playa Santo Domingo” e la “Mojiteria Pachanga” direttamente da Cuba, ma anche il Disco Bar brasiliano “Colonial” e il “Morgan’s Bar Puerto de los Piratas” dai Caraibi.

Due grandi novità nell’edizione 2018 per quanto riguarda le aree da ballo: la prima è Praça Brasil, la piazza dedicata esclusivamente alla musica e al ballo brasiliani, una location che mancava da molti anni e che a grande richiesta è stata nuovamente inserita per dare spazio alla grande tradizione del sound brasileiro. Per celebrare questo ritorno in grande stile, ogni venerdì e sabato i brasiliani che si presenteranno all’ingresso del Festival con un documento d’identità del Paese d’origine potranno godere della speciale promozione con ingresso a 5 euro. La seconda è all’insegna della salsa in ogni sua forma: il famosissimo Camana Club si trasferisce al Milano Latin Festival, dove torna il vero Salsodromo Camana, per tutti gli amanti della bella musica e del ballo; speciali agevolazioni per tutte le scuole di ballo. Tornano invece Dj Dee e Dj Lamega, che con le loro ballerine animeranno Plaza Latina 100%, all’insegna di cumbia, salsa brava e salsa dura. Divertimento a ritmo di bachata, reggaeton, salsa, merengue, dembow e commercial in Plaza Santo Domingo, mentre potrete trovare il cubanissimo show di danza e animazione direttamente da la Isla Grande di Plaza Cuba.

E poi ancora Fluo Party, Schiuma Party, Mojito Night (tutti i lunedì sera mojito a 5 euro in tutti i locali, il Museo del Rum, la mostra Mini America Latina e Caraibi, per camminare in un viaggio immaginario attraverso le riproduzioni in miniatura dei più grandi monumenti storico-artistici del continente, stand di artigiani latini e infine la solidarietà con la Fondazione P.U.P.I. di Javier Zanetti e la Scuola Italiana di Senologia.

Grande novità di quest’anno, il coinvolgimento di 11 Media Partner, le voci più autorevoli del panorama latinoamericano, che da sole raggiungono messe insieme, più di 800 mila persone: Ginger Generation, Milano Etno Tv, Vision Latina, Noi che Amiamo la Salsa, Karmat Tv, Kendoll Music, Latin Urban Music, Milano De Noche, Latin Music Official, Reggaeton Italia e ovviamente, noi, Salsa.it

Anche quest’anno le ragazze potranno chiedere di essere scortate da un bodyguard fino alla loro macchina, perché la sicurezza è uno dei punti di forza di questo Festival, garantita da rigorosi controlli all’ingresso (anche con metal detector) e un efficientissimo servizio d’ordine.

Infine grande attenzione ai bambini, con uno spazio di 200mq dedicato a loro e una festa tutta speciale con protagonista Geronimo Stilton il giorno di Ferragosto.

Prezzi: al massimo 10 euro, per le serate di venerdì e sabato, e tutte le sere ingresso ridotto del 50% per chi arriva entro le 20.30. Martedì Ladies Night, le donne pagano la metà, domenica tutti i latini pagano la metà; ingresso a 4 euro (2 entro le 20.30) tutte le sere per under 12 e over 65, ingresso gratuito ai connazionali nel giorno in cui gioca la propria Nazionale ai Mondiali di Calcio di Russia 2018, per vedere la partita trasmessa sul Maxischermo.

Quest’anno il Festival ospiterà la prima edizione di Giornalisti in Festival, tre giorni (18, 19 e 20 giugno) di incontri dedicati agli operatori della Comunicazione, in collaborazione con l’Associazione Lombarda dei Giornalisti.

Alla presenza del sindaco di Assago, On. Graziano Musella, che ha fatto gli onori di casa e alla bellissima moderatrice Eradis Josende Oberto, i direttori Fabio Messerotti e Roberto Bruno insieme alla Responsabile Ufficio Cultura e Istituzioni del Milano Latin Festival, Nieves Machado, hanno ringraziato per l’importantissimo sostegno e la collaborazione tutte le rappresentanze consolari intervenute: Pedro Gonzales Marin, Ministro Consigliere e console generale CILE con Paulina Solis del Consolato del CILE; Juan David Veloza, Console di Seconda della COLOMBIA; Alina Betancourt García, Vice Console di CUBA; Angel Polivio Gualàn Gualàn, Vice console dell’ECUADOR, Karla Georgina Martinez Herrera, Console generale di EL SALVADOR, Hernan Ruiz Bravo, Console del MESSICO.  
Presenti anche i rappresentanti delle major musicali: Domenico Picarreta per Sony Music e Gianni Andreotti per la Warner Music, che insieme a Universal Music e ad Urbana Latina testimoniano l’importanza internazionale degli artisti che saranno presenti al Milano Latin Festival 2018.

E’ intervenuta poi Diana De Marchi, presidente della Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili del Comune di Milano, che ha consegnato a Fabio Messerotti l’Oscar Europeo alla Cultura per la promozione e la diffusione della cultura latina in Europa; si tratta dell’unico festival latinoamericano ad aver ricevuto tale riconoscimento e Diana De Marchi per tale motivo ha annunciato la volontà dell’amministrazione meneghina di assegnare il patrocinio del Comune di Milano al Milano Latin Festival 2019, per l’importanza e la ricchezza del programma culturale e di intrattenimento di questa kermesse, che nella scorsa edizione ha toccato le 170.000 presenze.

Da sinistra: Eradis Josende, Oberto, Roberto Bruno, Diana De Marchi, Fabio Messerotti, Nieves Machado

Per ulteriori informazioni, il calendario completo dei concerti e degli eventi, potete consultare il sito o restare sempre aggiornati con l’app del Milano Latin Festival.

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here