Los Van Van, Oscar D’Leon e “El Canario” Tutti in una Memorabile Notte

Grandissima serata ieri notte all’Ippodromo di Capannelle a Roma, nell’ambito
della manifestazione musicale Fiesta: si sono esibiti insieme Los Van Van, Oscar
De Leon e José Alberto El Canario.
Per questo memorabile appuntamento il grande spazio antistante il palco era
stracolmo ed in base alle automobili parcheggiate non penso sia molto lontano
dalla verità dire che erano presenti diecimila persone, di tutte le nazionalità:
cubani, venezuelani, dominicani e tantissimi peruviani e boliviani, oltre ai
sempre tantissimi nostri connazionali, amanti della musica latina.
Ma veniamo alla cronaca del concerto; la folla acclama gli eroi della serata ed
intorno le ventidue irrompono sul palco i Los Van Van, guidati questa volta dal
suo fondatore Juan Formell, che sfoderano il meglio del loro repertorio:
Chapeando, Sol natural, un bellissimo popurrit, Somos cubanos, Anda ven y
quiereme, regalando al pubblico quasi un’ora di emozione. A seguire il concerto
c’era anche Cesar “Pupy” Pedroso e toccante è stato il momento in cui Lele lo ha
ringraziato dedicandogli la frase “si los van van son grandes asì es gracias a
ti”, un’atto di grande amicizia ed onestà tra musicisti che hanno fatto (e che
la fanno ancora) la storia della salsa moderna.
A seguire è stata la volta del “Leon de la salsa”, il venezuelano Oscar De Leon
e tutti i suoi fans sono andati in visibilio quando ha iniziato a sfoderare il
suo trentennale repertorio. Vi assicuro che la presenza scenica del maestro
venezuelano è straordinaria, viste anche le sue doti di ballerino. Insieme a lui
si sono esibiti una coppia di ballerini cubani e due di portoricani, poi è
entrato in scena il dominicano José Alberto El Canario, Juan Formell e Mario
“Mayito” Rivera ed insieme hanno regalato magia…
Complimenti alla sempre impeccabile organizzazione di Fiesta; di contro non
viene riservato alcun spazio agli operatori del settore (Riviste, Web Magazine,
Radio ecc.) per incontrare e intervistare gli artisti. L’ufficio stampa ripete
sempre che dietro il palco non entra nessuno, ma poi… amareggiati, ci tocca
riscontrare che nel back stage i visitatori non mancano ma purtroppo si tratta
solo di ragazzine e amici dei vari buttafuori e responsabili organizzativi.
Questo chiaramente a discapito di chi cerca di fare informazione impegnandosi a
divulgare e promozionale la nostra amata cultura latina. Comunque nessuno è
perfetto e resta sempre una manifestazione di livello assoluto. Speriamo che la
direzione ponga presto rimedio a questo spiacevole disservizio.
Il 31 luglio si esibirà Gilberto Santarosa ed il 3 agosto Don Omar, il re del
Reggaeton, appuntamenti da non perdere per chi ama la salsa d’autore ed il ritmo
del momento.
Un saluto a tutti.

Giuseppe Lago

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here