CINEMA E TANGO

Oggi vogliamo in questa rubrica ripercorrere un binomio di successo che da
sempre unisce il cinema al tango.
La carriera di

Rodolfo Valentino
viene lanciata nel 1921 dal tango che interpreta
nel film ‘Quattro Cavalieri dell’Apocalisse’
insieme a Nitta Naldi; un ballo tanto magneticamente erotico da
diventare archetipo e che ispirerà nel 1977 Rudolf Nureiev nel
suo ‘Valentino’, oltre alla miriade di imitazioni e
parodie (una fra tutte Angelica Huston nel film ‘La
Famiglia Addams’
).
Pensare che, a detta di molti puristi, Rodolfo Valentino, nell’eseguire i passi
del celebre ballo, commise un errore imperdonabile: guardare dritto negli occhi
la propria partner.
L’opera fisiologicamente più accurata per risalire alle radici della danza
argentina rimane ‘La Vida de Carlos Gardel’ (1939),
film che rievoca a figura del “padre” del tango argentino, morto in un disastro
aereo nei primi anni Trenta del Novecento.

Nell’immaginario collettivo un posto assolutamente indimenticabile lo occupa
‘Ultimo Tango a Parigi’, il film scandalo di
Bernardo Bertolucci
del 1972: sulle note del jazzista argentino
Gato Barbieri
, Marlon Brando e Maria
Scheneider
consumano il loro dramma di passione e morte, il tango,
infatti, non conosce lieto fine.
Per il regista Bertolucci è un dejà-vu, dopo l’ambigua danza tra
Stefania Sandrelli
e Dominique Sanda nel
‘Conformista’
. ‘Ultimo tango a Zagarol’ è una
mitica parodia del film di Bernardo Bertolucci ‘Ultimo tango a Parigi’,
interpretato magnificamente nel 1973 dal grande Franco Franchi.
Sempre a proposito di comici, negli anni 80  anche Diego
Abatantuono,
in pieno periodo "terruncello", si cimenterà con questo
ballo nel film intitolato "Il tango della gelosia", la
sua partner per l'occasione è la grande Monica Vitti.
Come con Bernardo Bertolucci, l’attrazione fatale per la città di Parigi
continua a passo di tango, arrivando a sfiorare l’Oscar nel 1983 con
‘Ballando Ballando’
di Ettore Scola. Mentre la magia
ed i misteri di questa danza attraversano ‘Tango Nudo’
(1991), dove il protagonista costringe i musicisti a suonare bendati mentre lui
balla, affinché non colgano la perfezione, lasciando l’uomo solo a godere di un
momento così perento che sarebbe delittuoso dividere con qualcuno.
‘Scent Of A Woman’, è un film del 1992 in cui Al
Pacino interpreta un ufficiale cieco in pensione, l’unico ruolo per cui riuscì a
vincere un Oscar. Il film, come molti sanno, è la versione hollywoodiana di un
film italiano, ‘Profumo di donna’ di Dino Risi
e al posto di Al Pacino c’era un grandissimo Vittorio Gassman.
Al Pacino ballerà il suo tango sulle note di

“Por Una Cabeza”
di Carlos Gardel: questo stesso brano verrà
ballato un anno dopo sia da

Arnold Schwarzenegger
in "True
Lies"
, sia da Liam Neeson in "Schindler's
list"
.
Belgrado sotto le bombe, se non sono quelle dei tedeschi sono quelle degli
Alleati. Ma per quei pazzi dei serbi – come tutti i popoli slavi – c’è sempre lo
spazio e il tempo per ballare. In un film magico del 1995 come ‘Underground’
il tango ci sta proprio bene, trovata geniale del maestro serbo Kusturica.
Un improbabile e affascinante tango  è quello ballato da Evita e Che Guevara,
portato allo schermo nel 1996 dalla coppia

Madonna – Antonio Banderas
nel remake della vita di
‘Evita’
, nel film del regista
Alan Parker; i due, in realtà, non si incontrarono mai.

Negli Anni 90 il regista Carlos Saura gira "Tango",
film che narra la storia di un regista il quale, appena lasciato dalla sua
compagna, decide di concentrare i propri sforzi nella realizzazione di un
musical sul tango.
Le note di uno dei capolavori di Astor Piazzolla, “Libertango”,
vengono interpretate da Sally Potter in ‘Lezioni di
Tango’
(1997). Il brano è suonato da Yo-yo Ma,
che appare anche lui nella clip. Il film racconta la storia di Sally (Sally
Potter) una regista e sceneggiatrice che soffre del blocco dello scrittore, ed è
anche insoddisfatta del film su cui sta lavorando, un thriller ambientato
nell’industria della moda. Decide di prendersi una pausa e di andare a Parigi
dove vede Pablo (Pablo
Verón
)
ballare il tango. Improvvisamente questo ballo diventa per
lei un’ossessione. Offre a Pablo una parte nel suo film in cambio di lezioni di
danza. I due finiscono per avere una relazione intima, ed il film esplora il
conflitto tra la donna che deve accettare la guida maschile nella danza, mentre
i ruoli si rovesciano sul set del film. 
E' la storia di Helena, lei è ‘La cantante de Tango’
(2009). E’ profondamente innamorata, e passa con successo un’audizione con il
suo gruppo per suonare in un prestigioso teatro di Buenos Aires. Finisce l’amore
e lei diventa l’ombra di se stessa. Dovrà reimperare lentamente a vivere ed
amare.
Anche i cartoni animati portano il tango al cinema: ‘L’era glaciale
3. L’alba dei dinosauri’
è il terzo episodio della popolare saga
animata che immagina una preistoria molto più divertente dell’originale. Il film
è del 2009, ed è stato diretto da Carlos Saldanha – mentre gli
sceneggiatori sono Michael Berg e Peter Ackerman ed il tango coinvolge Scrat –
lo scoiattolo – e la sua Scrattina.
Occorre poi sfogliare nuovamente questa rubrica, perché in alcuni dei film già
segnalati, come Moulin
Rouge’
(2002) e

‘Ti va di ballare?’
(2006), e

"Shall we dance?"
(2004), proprio le scene di tango risultano
le protagoniste del film.

  

Andrea Mantelli

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here