NO SE MAÑANA – Rosana Arbelo

Testo
Traduzione

De
algo estoy segura
Hoy no siento lo mismo
A veces dudo si mi corazon
Te ha hecho caer en un oscuro abismo
De algo estoy segura
Ya no eres el fantasma
Que me rondaba haciendo
un callejon
Cada segundo donde te pensaba

No
siento la llamada de tu piel
Ya no termino con la piel en llamas
No se mañana, se de hoy

Y

Hoy
no es amor, no es ternura
No es odio, ni amargura
Hoy he salido de ti,
bordeando la locura
Hoy no es pasion lo que siento
No es pena, ni tormento
Hoy he salido de ti y entre lagrimas
Vi romperse el firmamento

De
algo estoy segura
no sabes lo que sientes
Pero no quieres que me lleve el mar
Por si me pierdes entre la corriente
De algo estoy segura
Lo nuestro està en tus sueños
Y tienes miedo a hacerlo realidad
Por si descubro que asì no te quiero

No
siento ganas de luchar por ti
Ya no me dejas a morir por dentro

Te
dejo la llamada de mi piel
mientras decides si o no te dejo
Y no te miento, se que siento

Que

REPITE


Di
qualcosa sono sicura
Oggi non sento lo stesso
A volte dubito se il mio cuore
Ti ha fatto cadere in uno oscuro abisso
Di qualcosa sono sicura
Già non sei il fantasma
Que mi girava intorno finendo
in un vicolo cieco
Ogni secondo dove ti pensavo

Non
sento il richiamo della tua pelle
Già non finisco con la pelle in fiamme
Non so domani, so di oggi

E

Non
è amore, non è tenerezza
Non è odio, ne amarezza
Oggi sono andata via da te,
rasentando la pazzia
Oggi non è passione quello che provo
Non è pena, ne tormento
Oggi sono andata via da te e tra le lacrime
Ho visto rompersi il firmamento

Di
qualcosa sono sicura
Non sai quello che provi
Però non vuoi che mi porti il mare
Perché così mi perdi tra la corrente
Di qualcosa sono sicura
Il nostro amore è dentro ai tuoi sogni
E hai paura di farlo diventare realtà
Per scoprire che così non ti amo

Non
sento la voglia di lottare per te
Già non mi lasci morire dentro

Ti
lascio il richiamo della mia pelle
Mentre decidi si o no ti lascio
E non ti mento, so che sento

Che

RIPETE

Autore: —
Traduzione a cura di Renato Ghelli

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here