SALSA.IT VOL.17 PRESENTA: MASSIMO SCALICI – ESTOY SOLO

Salsa.it - News: conosciamo da vicino uno dei brani della prossima Salsa.it Compilation

Massimo Scalici - Estoy Solo (2021 Salsa.it Compilation)
Massimo Scalici - Estoy Solo (2021 Salsa.it Compilation)

Iniziamo a dare qualche anticipazione su quello che troverete nella nuova, attesissima Salsa.it Compilation, la cui 17ma edizione è stato deciso di farla uscire in un periodo un po’ insolito (primi di Settembre, n.d.r.), causa pandemia.

Un brano su cui si punterà molto è Estoy Solo, in cui si riforma il binomio Massimo Scalici alle musiche e Francisco Rojos ai testi. L’ascolto in anteprima ci ha lasciati a bocca aperta e non vediamo l’ora di poterlo ballare, ma scopriamo qualcosa di più in proposito, sentendo i due diretti interessati:

Massimo, per cosa si caratterizza musicalmente parlando il nuovo brano?

Da un po’ di tempo volevo aggiungere alla connotazione pop delle salse che realizzavo assieme a Francisco, una maggiore dimensione latina, e direi che questa è stata l’occasione migliore. La prima parte di Estoy Solo rispecchia molto il nostro stile, ma poi, quando arriva il momento dei pregones e delle parti più musicali, abbiamo un sound che si avvicina molto più ai dettami latini del genere romantico. Quando l’ho composta l’ho pensato come se a cantarla ci fossero Gilberto santa Rosa o Tito Nieves. Sono molto soddisfatto del risultato ottenuto.

– C’è poi la presenza di uno strumento che in questo genere di salse non avevi mai usato…-

Esatto, si tratta de Sax baritono, che caratterizza solo alcune orchestre delle grandi orchestre latine, ma che è adattissimo alle atmosfere e al flow di questo brano. Lo suona Pietro Catalano, un musicista invitato proprio per questo. Per tutti gli altri strumenti, naturalmente, mi avvalgo come sempre della Poderosa.

Francisco, il titolo la dice lunga sull’argomento del testo di questa salsa. Com’è trattata qui la solitudine?

Intanto vorrei dire che nello scriverla, mi sono ispirato ad un cantautore italiano molto in voga a cavallo tra gli anni 70 ed 80, Vincenzo Spampinato. Più che raccontare una storia, l’ho scritta come se descrivessi un quadro: una persona sola con le sue riflessioni in un contesto serale molto suggestivo. C’è malinconia, ma non cupezza.

Non ci resta che pazientare ancora un po’, per poi ballare sulle note di Estoy Solo, che sarà distribuita dall’etichetta Downbridge Publishing.

A cura di: Mauro Gresolmi
Graphic work by: Francisco Rojos

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here