IL MAMBO

0
286
Mambo
Mambo

Lo stile musicale ballabile denominato “Mambo” fu scritto la prima volta dal pianista, contrabassista e compositore Orestes López ed interpretato da Antonio Arcaño.

Nella stesura della parte finale del Danzón intitolato “Mambo”, Orestes López utilizzò un motivo sincopato, con il quale i treseros di Son iniziavano il loro montunos. Su questo motivo, Antonio Arcaño, direttore e flautista dell’ allora famosa orchestra Le Meraviglie di Arcaño (1938) ristabilì la tradizione creata dal flautista Miguel Vázquez “Il Moro” di improvvisare variazioni di flauto di lunga durata.

Antonio Arcaño e la sua orchestra crea un nuovo climax che i ballerini sviluppano con un’euforia indescrivibile poiché fino ad allora erano un po’ limitati dal il modello ritmico del Danzón. Arricchendo la percussione dell’orchestra con una tumbadora, Arcaño crea definitivamente una nuova modalità di Danzón, un ritmo nuovo che crea adepti e nemici.

Questo nuovo ritmo è battezzato come “Ritmo Nuovo” e la sua parte animata è denominata “Sabrosura” per alcuni, “Diavolo” per altri e “Mambo” per la maggioranza. Le Orchestre di Antonio Arcaño, Joseíto Valdés “L’Ideale”, Orchestra L’Unione e la Orchestra Melodias del 1940, sono le più popolari del momento che cominciano ad includere tra i loro numeri l’incalzante Mambo. Spieghiamo ora come la parola Mambo si usava a Cuba per definire i canti rituali apportati dagli schiavi Congo e la loro musica Bantu.

Francisco Rojos

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here