HAVANA DE PRIMERA RACCONTATA DAI SUOI FONDATORI, ALEXANDER ABREU E AMAURY PEREZ RODRIGUEZ

0
69

Erano gli ospiti internazionali più attesi al Milano Latin Festival e le
aspettative non sono state deluse: un concerto elettrizzante, davanti ad un
numerosissimo pubblico ed una band sul palco con strumentisti eccezionali ed una
carica contagiosa.
Havana de Primera da questo punto di vista é sempre una garanzia. Prima
dell’inizio del concerto abbiamo incontrato il leader Alexander Abreu ed
uno dei cofondatori dell’orchestra, Amaury Perez Rodriguez, trombonista
del gruppo, nonché produttore ed arrangiatore (in questa veste ha lavorato
parecchio col nostro Fito Gress), il quale ci ha svelato un piccolo
segreto…

Havana De Primera é nata in Italia, nel 2008, proprio qui a Milano!
Ad Abbiategrasso per la precisione, dove vivevo in quel periodo e dove sono
stato per due anni. Ospitai Alexander, che conoscevo da tempo,  a
casa mia quando venne a suonare al Latinoamericando nel tour di Issac Delgado.
Quella notte parlammo a lungo di questo progetto musicale, che inizialmente ci
sembrava utopico, ma una volta rientrati a Cuba pian piano riuscimmo a dargli
forma. parlammo con ministero della cultura, radunammo i musicisti ed iniziammo
a lavorare al repertorio. Io avevo del buonissimo materiale, composto cinque
anni prima, ma che non arrivò mai in sala di registrazione, iniziammo da lì per
poi aggiungere altri brani, e così nel 2008 vide la luce il nostro primo album.


– E’ stato difficile radunare tutti i musicisti? C’è voluto tanto tempo? –

– No, è stato piuttosto facile: abbiamo fatto una lista io ed Alexander,
inserendo tutti coloro con cui avevamo una grande affinità, umana e
professionale; una volta che questi aderirono al progetto abbiamo iniziato a
lavorare sodo, passavamo più tempo insieme tra di noi che con le nostre
rispettive famiglie, per questo doveva regnare l’armonia tra noi. Al momento del
reclutamento molti hanno detto sì, altri hanno rifiutato perché impegnati in
altri progetti, altri ancora perché non erano del tutto convinti della cosa. –

– Quanti del gruppo originale del 2008 sono rimasti anche oggi? –

– Quasi tutti: il novanta percento dei musicisti che sentirete questa sera
sono quelli con cui abbiamo iniziato. Sul palco siamo in quindici. –

– Alexander, come sta andando il vostro La Vuelta Al Mundo Tour? –

– Siamo in giro da ormai un anno e siamo super contenti di come veniamo
accolti ovunque. Il disco sta andando bene e a distanza di un anno sta ancora
facendosi apprezzare, con il pubblico che ancora adesso scopre qualcosa di nuovo
tra le sue tracce. –

– Prima di fondare Havana De Primera hai suonato con tutti i più grandi
musicisti cubani. C’é qualcuno di loro che ha ispirato in modo particolare la
tua musica? –

– Il maestro Juan Formell. E’ stato il motore del mio modo di
intendere musica e di tutto quello che ho fatto fino ad ora. –

– Voi suonate la timba, che avete saputo contaminare con altri generi. Come
avete creato il vostro stile? –

– Abbiamo preso di tutto un po’: é un mix di tutte le influenze della nostra
musica nazionale, alla quale noi abbiamo aggiunto la nostra energia. –

– Com’è stata la tua esperienza nel mondo del cinema con Emir Kusturica
(nel 2002 ebbe un ruolo in 7 Dias En Cuba,n.d.r.)? –

– Un’esperienza molto bella e del tutto nuova per me. Emir si è
dimostrato un amico, è un grande regista ed anche un grande musicista, con una
grande passione per la musica in generale e per quella cubana in particolare. Se
dovesse chiamarmi ancora per qualche suo progetto cinematografico, ci andrei di
corsa! –

– Nel vostro ultimo album c’é anche Luis Enrique….-

– Abbiamo registrato insieme La Vuelta Al Mundo, il brano che dà il
titolo al disco. Una collaborazione a cui tenevamo molto e della quale lo
ringraziamo tantissimo. –

– State preparando il nuovo album? –

(Amaury) – Per il momento no, abbiamo in imminente uscita un nuovo
singolo, un omaggio a Juan Formell, e per il futuro immediato ci
piacerebbe fare un disco dal vivo per trasmettere tutte l’energia sprigionata
nei nostri concerti in giro per i vari Festival del mondo. –

– Chiudiamo con i tradizionali saluti…-

(Alexander) Un saluto speciale a tutti i fans di Salsa.it da parte di
Alexander Abreu e Havana de Primera con tutta la nostra energia positiva.
Camina por arriba. ahinamà! –

Photos by Cosetta Calidonna
Ecco il link per poter visualizzare le foto dell’intervista e del concerto:


https://www.facebook.com/salsa.it/photos/?tab=album&album_id=1204367092960655

Mauro Gresolmi

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here