FELICE DI MEO, ORGANIZZATORE DI LAITN FIEXPO, CI PRESENTA IL NUOVO FESTIVAL

0
218

Il countdown dice che manca una sola settimana all’inizio di Latin Fiexpo.
Alla kermesse, che si terrà a Malpensa Fiere, si sta lavorando da mesi
con grande impegno. Lo scorso 10 giugno si è tenuta la conferenza stampa di
presentazione nel centro di Busto Arsizio, il comune che ha sostenuto questa
iniziativa, organizzata da Felice Di Meo, chairman di Caribe Event,
per anni al fianco di Pepe Fabiani nella gestione del salsodromo di Latinoamericando Expo.

– L’idea che ha creato Latin Fiexpo è nata da tempo.
Ultimamente alcune mie idee sul Festival di Milano erano in contrasto con quelle
del resto degli organizzatori, da lì ho iniziato a pensare di far qualcosa 
con la mia visione. Inizialmente avevo intenzione di fare qualcosa che richiedesse una gestione meno elefantiaca, tanto per sondare un po’ il terreno, ma man mano che il tempo passava
l’allestimento si ingrandiva sempre più, assumendo una maggiore importanza.: sei
degustazioni, due ristoranti, sette aree ballo, sono numeri molto simili al
Latinoamericando….Ora bisogna riempire quest’area, che è bella grossa;
l’incognita che mi preoccupa di più è quella dei trasporti: non ci sono mezzi
pubblici che fermano nell’area, chi vuol venire deve per forza farlo in
macchina. Questo potrebbe far rinunciare chi viene da Milano, già restio di suo
nello spostarsi. Contiamo molto sul fatto che la zona raccoglie tanti ballerini
dalle provincie di Varese, Novara, Como, che saranno invogliati dalle grandi
possibilità di ballare tutti i generi latini: è come se si trovassero
all’interno di una maxi discoteca, che offre tanto divertimento a un piccolo
prezzo, solo 5 Euro d’ingresso. –



– Facendo tesoro del feedback che avete avuto in questi anni da
Latinoamericando, quali aspetti avete curato maggiormente che dall’altra parte
non erano stati valorizzati per scelta di mercato o per altri motivi? –

– Una delle cose su cui abbiamo puntato maggiormente è l’area bimbi: chi
balla latino ha un’età in cui si hanno bambini piccoli e noi non vogliamo che
rinuncino ad una bella serata di ballo perché non sanno a chi lasciarli. Da noi
i bambini troveranno uno spazio tutto per loro con animatrici che li faranno
giocare e divertire, e saranno poi loro stessi a voler tornare. –

– Parliamo un po’ di musica e di concerti: dopo 25 anni di quasi totale
chiusura agli artisti italiani che fanno musica latina, troviamo nel vostro
cartellone anche alcuni nostri rappresentanti: è una scelta ideologica o
soltanto logistica? –

– Un po’ entrambe le cose: gli artisti nostrani negli anni sono migliorati
e si sono guadagnati la possibilità di confrontarsi con i loro colleghi
d’oltreoceano. Dal punto di vista logistico, pochi dei grandi artisti fanno dei
tour europei in estate, per cui diventa proibitivo portarli qua per una sola
data. –

– Per quanto riguarda la ristorazione avrete anche qui ristoranti tematici? –

– Sì, con una novità: il ristorante argentino sarà anche catalano, per la gioia
degli amanti della paella, poi non può mancare il brasiliano, infine gli altri
più piccoli con le loro degustazioni.

– Avete fatto una politica di prezzo contenuto sull’ingresso, cosa più che
mai azzeccata, visti i tempi che corrono. Avete raccomandato anche ai
ristoratori di non esagerare coi prezzi? –

– Certamente, ma non è facile abbassare i prezzi quando tutta la merce aumenta e
i costi, per fare le cose secondo le leggi vigenti, sapete anche voi quali
siano.

Il nome del festival è “Latin Fiexpo”: come mai "Latin" e non
"Latinoamericano", per il fatto che volete includere anche Italia e Spagna nella
cultura latina? –

– No, semplici motivi estetici, così suona meglio. Infatti "Fetival
Latinoamericano" lo abbiamo usato come sottotitolo. –

Con’è organizzato il ballo? –

– Ci sono varie aree ballo, con i generi musicali differenziati. C’è poi
l’area denominata Latin Disco, riservata alla zumba, all’animazione, alla Latin
dance. –

– Cosa pensi della kizomba, che si è aggregata alla musica latina, ma che
viene dall’Africa? –

– Abbiamo avuto richiesta, per cui anche lei avrà la sua area, del resto
ottiene un bel gradimento da parte del pubblico. –

– Ci saranno promozioni speciali? –

– Abbiamo mantenuto la tradizione del Martedì a 2 Euro per le donne, che ha
sempre fatto successo. –

Prossimamente tutti i dettagli su orari, prezzi, concerti e iniziative varie.
Anche in questa occasione Salsa.it seguirà la manifestazione da vicino.

Mauro Gresolmi, Francisco Rojos

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here