IL MONOPOLIO DELLA SIAE IN DISCUSSIONE CON UNA PROPOSTA DI LEGGE DI SCELTA CIVICA

0
72

Fa certamente rumore la notizia che, pare si intenda mettere mano ad una
riforma della SIAE con una poposta di legge del Gruppo di Scelta civica, e come
al solito noi vogliamo che questo "rumore" diventi ancora più forte, anzi che
diventi assordante per imporre e pretendere il nostro diritto a discuterne
approfonditamente per evitare che una legge, la 633 del 1941 ( sono passati ben
73 anni dalla prima approvazione ) venga modificata senza consultare le
categorie e le Associaizoni interessate e che organizzano piccoli e medi autori,
editori, ma….anche artisti interpreti ed esecutori.
Intendiamoci bene, non si pensi che l’eliminazione del monopolio SIAE sia il
metodo per rendere libero lo scaricamento libero e gratuito della musica o delle
opere cinematografiche o di qualsiasi altra opera dell’ingegno, al contrario,
una normativa nuova deve essere la base della tutela maggiore per gli autori ed
editori, particolarmente i piccoli che sono numerosissimi, molti dei quali oggi
si iscrivono a collectic estere.
Già, perchè è evidente che una riforma del genere non può non tenere conto di
una recente legge di liberalizzazione dei diritti connessi non solo di quelli
d’autore ed editori, pertanto parrebbe strano che, mentre è in discussione con
le Associazioni e le Collecting esistenti un prossimo provvedimento di decreto
applicativo della legge in questione, ci si metta a discutere di una normativa
che riordinerebbe tutto il sistema di tutela dei diritti, compresi quindi i
diritti connessi al diritto d’autore, anche in conformità con le sentenze della
corte europea che ha recentemente adottato una direttiva in tal senso.
Che la gestione SIAE sia stata messa da tempo in discussione è cosa nota, la
recente approvazione dello statuto e le conseguenti elezioni che hanno affidato
la tutela di circa 120.000 soci e pochissimi importanti autori ed editori non ha
potuto godere certamente del nostro apprezzamento, quindi sono venuti al pettine
i nodi di una battaglia che da anni si combatte per una maggiore democrazia e
certezze sulle ripartizioni non solo sulla montagna di tasse che i soci sono
costretti a pagare, altro che IMU sulla prima casa, tenendo conto che questo è
il diritto alla proprietà intellettuale.
L’esigenza quindi è che, se ci sono proposte di revisione di tutela dei "NOSTRI
DIRITTI ECONOMICI" vengano discusse con noi, da Scelta Civica, dal Governo o da
chiunque abbia interesse a farlo, convocando le Associazioni riconosciute in
audizione e, aggiungiamo, costituendo un tavolo di discussione, al quale saremo
lieti di offrire il nostro contributo a titolo totalmente gratuito, ma, non si
metta mano ad una riforma senza il nostro consenso, non sarebbe democratico e
impegneremmo tutte le nostre forze per evitare uliteriori danni e ritardi a
piccoli e medi editori e artisti, che giustamente pretendono il diritto di
decidere della propria sopravvivenza con i diritti maturati.

28/03/2014  17:33
Scelta Civica, proposta di legge per nuove collecting societies

Romano, presidente del partito alla Camera: «Nessuna battaglia contro la
Siae, ma serve una riforma»

Discussa oggi a Roma, in un incontro a porte chiuse presso la Cappella
Orsini, la proposta di legge presentata dal gruppo parlamentare di Scelta Civica
e sottoscritta da circa quaranta parlamentari di altri gruppi, che intende
modificare il titolo V della legge 633 del 22 aprile 1941, riconoscendo agli
autori la possibilità di associarsi con la creazione di collecting societies.
«Nessuna battaglia ideologica contro la Siae» ha affermato Andrea Romano,
presidente del gruppo Scelta Civica alla Camera, al termine dell’incontro. «La
riforma però è necessaria e non è più procrastinabile». Davanti ad una trentina
di addetti ai lavori ed esperti dei vari settori culturali Romano ha specificato
l’obiettivo di Scelta Civica:

«Puntiamo a una maggior tutela degli autori. Il 60% paga più tasse dei diritti
che percepisce per le proprie opere. È chiaro che le regole del gioco debbano
essere cambiate». Nello stesso modo non credo che il ricorso al mercato possa
risolvere ogni problema, ma si deve tenere conto della mutata realtà del
panorama di riferimento. Forse è diventato opportuno cominciare a parlare di uno
spacchettamento delle tante funzioni che oggi sono delegate alla sola Siae».
Secondo Romano, inoltre, «la nuova normativa europea sancisce il diritto di
scelta dei singoli autori che potranno decidere la società alla quale iscriversi
cambiando profondamente il contesto della tutela del diritto d’autore anche in
Italia. Un cambiamento legislativo è indispensabile anche per evitare di restare
indietro, rispetto ai principali paesi europei, nella dotazione di strumenti
competitivi per la tutela della creatività e del diritto d’autore. Nei prossimi
giorni presenteremo ufficialmente alla Siae la nostra proposta e proseguiremo il
confronto pubblico per discutere in modo trasparente le opportunità e anche le
fragilità eventuali della nostra proposta», ha concluso Andrea Romano.

Fonte e-duesse


http://www.siae.it/edicola.asp?view=4&open_menu=yes&id_news=13838

Mario Di Gioia – Presidente AssoDeeJay

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here