IN USCITA IL SECONDO SIGOLO DEL PROGETTO UNITY: SERA’ QUE NO ME AMAS

0
146

Da Martedì 16 Ottobre sarà disponibile per il download digitale il secondo
singolo del progetto Unity, il tributo che i principali artisti latini
stanno realizzando per celebrare la musica di Michael Jackson, sotto la
direzione dell’ideatore di questa iniziativa, il musicista di origini peruviane
Tony Succar.
Dopo I Want You Back, cantata splendidamente da Tito Nieves,
sarà ancora un brano del periodo dei Jacksons ad essere reinterpretato:
Blame It On The Boogie.

Questa canzone fu composta nel 1978 dal cantautore inglese Mick Jackson:
originariamente la voleva cedere a Stevie Wonder, ma non se ne fece
niente; proprio quando stava decidendo di tenersela per sé, Peter Kerstin,
manager dei Jacksons, la face incidere ai cinque fratelli, con il
risultato di avere nel giro di un paio di settimane due versioni della canzone
sul mercato. Inutile dire che fu la versione cantata da Michael ad avere più
successo, ma la cosa non fu così scontata: i Jackson arrivano da un paio di
dischi che avevano fatto flop, e fu proprio Blame It On The Boogie
a rilanciarli: il singolo, che avrebbe preceduto l’album Destiny,
si piazzò al terzo posto della speciale classifica di Billboard dedicata
all’R’n’B, ed al 54mo di quella assoluta, facendo poi da apripista al 45 giri
successivo, Shake Your Body, che li riportò nella top ten
assoluta.
Le due canzoni vennero poi remixate e fatte uscire insieme in una speciale
edizione per le discoteche, che negli Usa ebbe molto successo.
In Inghilterra, patria dell’autore di Blame It On The Boogie, ci
fu una vera e propria competizione tra le due edizioni,. con le due principali
radio che decisero di parteggiare chi per Mick Jackson, chi per i Jacksons,
mandando in onda solamente ciascuno la sua versione che appoggiavano.

In occasione del progetto Unity Blame It On The Boogie diventa una
salsa, caratterizzata anch’essa dal tocco di Tony Succar, che segue la linea
iniziata col precedente singolo, e cioè quella di rimanere il più possibile
fedele all’originale. Il testo, che in spagnolo prende il titolo di Serà
Que No Me Amas
, era già pronto; quella di Succar, infatti, non è la
prima versione latina della canzone, nel 1990 l’aveva ricantata in lingua
spagnola e con questo stesso titolo la popstar messicana Luis Miguel.

Ad interpretare Serà Que No Me Amas nel tributo a Michael Jackson
è Michael Stuart, reduce dal successo ottenuto con il suo ultimo album,
un tributo anch’esso a Louie Ramirez. Come avevamo già precedentemente
avuto occasione di dire, non è la prima volta che il cantante di origini
portoricane ha a che fare con un brano di Jackson: nel suo primo album,
Cuento De La Vecinidad
, del 1996, fece omaggio al re del pop con
Eternamente Mi Amor
, versione salsa della hit contenuta in
Thriller
di The Lady In My Life.

 

Mauro Gresolmi

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here