LUIS ENRIQUE

0
203

Partiamo così, prima andiamo a vedere su youtube il video di “Yo No Sé
Mañana
”….scegliete pure voi, il video ufficiale oppure quello dove Luis
Enrique
canta in un club, con il pubblico intorno a lui, illuminato da
semplici lampadine che sembrano tante piccole stelle.
Se questa canzone ha vinto il Latin Grammy 2009 come ‘Mejor Canción Tropical
ci sarà ben un motivo: è bella, tremendamente bella, considerata ovviamente
nell’ ambito della salsa romantica, di cui lui è uno dei pionieri nel periodo
fine anni ’80 – inizio anni ’90.
Ma con l’album ‘Ciclos’, Luis Enrique Mejia Lopez, più
semplicemente Luis Enrique, soprannominato il “Principe della Salsa“,
ha vinto anche il Latin Grammy come ‘Mejor Album de Salsa’.
Insomma, circa 21 anni di carriera, ma quasi sette fuori dalle scene salsere ed
un ritorno trionfale.
Nato il 28 settembre 1962 a Somoto City, Dipartimento di Madriz, in Nicaragua,
ha dimostrato fin da piccolo la sua passione per la musica. Per questo motivo
nel 1978 si trasferisce a Los Angeles, negli Stati Uniti.
In questo modo, ispirato dalla musica jazz e rhythm and blues americana,
aggiunge nuovi suoni al bagaglio musicale che si era portato con sè.
L’occasione giusta arriva con un’audizione nella città di Miami in un gruppo di
salsa. La demo registrata quella sera diventa, di fatto, il suo primo album
negli Stati Uniti, ‘Amor de Media Noche’, pubblicato nel 1987.
Nel 1988 va a Puerto Rico dove registra il secondo album, ‘Amor Y Alegría‘,
da cui spiccano brani come “Desesperado”, “Tú No Le Amas, Le Temes”,
No te quites la ropa” y “Compréndelo” e la sua carriera decolla,
ogni sua successiva produzione diventa numero uno nelle vendite, ‘Mi Mundo’,
Luces del Alma’, ‘Una Historia Diferente’, ‘Luis Enrique Live
(registrato dal vivo alla Universal Amphitheater di Los Angeles), ‘Dilema
e ‘Luis Enrique’, oltre da una dozzina di produzioni registrati in Costa
Rica, Venezuela, Messico e Nicaragua.
Inoltre il suo talento si segnala anche in importanti produzioni, per esempio
facendo l’introduzione con le congas nel brano “Mi Tierra” di Gloria
Estefan
e partecipando, come strumentista, nella canzone “Maria” di
Ricky Martin.
La sua popolarità di quel periodo gli permette di arrivare al successo anche
come protagonista nel romanzo ‘Al Son del Amor’.
In questa fase, siamo nel 1996, registra ‘Génesis’, una produzione che si
avvicina al genere pop, distante dallo stile con il quale si era imposto ed
ultima album con la Sony Discos.
Con la Polygram Latino realizza ‘Timbalaye’, anche questo in versione
pop, ma con l’influenza afro-caraibica, dove mostra la maturità raggiunta dal
passaggio del tempo, sia come compositore, interprete e produttore.
Con il nuovo millennio e dopo cinque anni di produzione non salsere, Luis
Enrique, con una nuova etichetta, la Chazz Music (distribuito dalla WEA Latina)
realizza ‘Evolución‘ (2000) e poi ‘Transparente’ (2002), anche in
questo caso dedicandosi a più ruoli: produttore, autore, arrangiatore, musicista
e performer.
Ancora una fase ‘pop’ nel 2007 con la produzione ‘Dentro y Fuera’, fino al
ritorno trionfale del 2009 con ‘Ciclos’, prodotto con Sergio George, un
nome che nel mondo salsero rappresenta un marchio di garanzia e che per Luis
Enrique è significato un nuovo riconoscimento internazionale.

Discografia –
Amor De Media Noche (1987)
Amor Y Alegria (1988)
Mi Mundo (1989)
Luces del Alma (1990)
Los Principes de la Salsa (1990)
Una Historia Diferente (1991)
Vivere (1992)
Dilema (1993)
Luminoso (1994)
Luis Enrique (1994)
Brillantes (1994)
Génesis (1996) – Genere: Pop
Amiga (1999)
Timbalaye (1999) – Genere: Pop
Evolución (2000)
Transparente (2002)
Essentials (2004)
Dentro y Fuera (2007) – Genere: Pop
Ciclos (2009)

Fonti informative :
website: es.wikipedia.org;
website: en.wikipedia.org;
website: it.real.com/music;
website: lastfm.es/music;
website: artists.letssingit.com/luis-enrique

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here