Victoria

Per ascoltare:
http://www.laboutiqueproductions.com/english/titopuentesbigband_engl.html
Qui trovate due brani completi tratti dal cd. Il primo e’ l’unico Bolero presente: ‘Te ruego’ l’altro brano e’ la Descarga finale che chiude l’ album :’ Guillaume’.

Scheda Biografica a cura di Dj Simon:
Nato a Cuba nel 1928, Ernesto ‘Tito’ Puente, inizia sin da ragazzo a suonare nei bar de La Habana.
Esprime stile e capacità musicali particolari che lo fanno apprezzare e viene incluso nell’ orchestra di Arsenio Rodriguez , eccelso compositore cubano . Considerato come uno dei più grandi creatori della musica cubana, Arsenio Rodriguez ha rivoluzionato non solo la storia del Son ma dell’ intera musica caraibica ballabile. Da molti considerato come il padre del Son montuno Arsenio consacrò il formato del conjunto introducendo la conga, piano ed un’ altra tromba per produrre una sonorità che alla lunga identificò il suo stile. Ad Arsenio Rodriguez è anche unanimemente attribuita l’introduzione del Diablo, una figura ritmica che sarebbe stata ripresa nella creazione del Mambo. Altrettanto importante è la sistematizzazione della fusione tra Guaguancò e Son che venne largamente utilizzata nel periodo della Salsa.
Nel 1953 Ernesto Puente si trasferisce a Parigi e lì da’ impulso alla sua carriera europea di musicista e trombettista afrocubano, eclettico e originale.
Suona in diverse orchestre di jazz, apportando la sua impronta musicale acquisendo taluni paradigmi musicali europei , pur non disdegnando esercitarsi nelle orchestre di musica leggera accompagnando anche la – all’ epoca – notissima cantante Sylvie Vartan.
Nel 1980 e’ con i ‘Salseros’ , orchestra franco-latinoamericna, nel 1995 suona con il Gruppo Manu Dibango nel festival jazz ‘Banliesu Blues’ e incide ‘El Alacran’
Costituisce poi una propria orchestra , la ‘E.T.P. big band ’ composta da venti elementi con cui propone una salsa raffinata e pregiata che sa’ fondere il sapore sabroso della salsa caraibica con le sonorita’ melodiose alla francese e i giri elaborati del jazz nordamericano.
Pubblica nel 2002 il suo secondo album ‘Yo quiero vivir tranquilo’ e nel 2005 ‘Cuida me prendas’.
Si riconferma ingegnoso e generoso musicista anche in questo album – uscito due anni orsono – nel quale sa ben combinare le sue culture musicali ed enfatizza il suo talento di arrangiatore ricco, complesso, festoso ed emozionante , guidando con maestria una orchestra che eccelle nella tecnica e nella musicalita’ espressa.

Recensione dell’ album a cura di Roberto Rabbi:
L’album consta di otto brani suonati da un orchestra composta nella sola parte ‘metales’ da nove elementi ( 4 trombe, 5 saxs, 4 tromboni ) oltre a sei nella sezione ‘ritmos’. La quasi totalita’ dei brani e’ composta dallo stesso E.T.P.
Primo pezzo e’ il Latin jazz/salsa ‘ Equivocado’ brano esaltato da assoli di tromba e sax alto; seguono: ‘Marcia baila’ Salsa/Mambo interpretata dalla calda voce di Noris Fuentes; ‘Son Guajiro’; ‘Que reste t il de nostre amour ‘ una romantica composizione di Charles Trénet; altra Salsa/mambo è ‘Nada de amor’, cui segue la Salsa/ChaCha’ La vi en la calle’. Unico Bolero presente nella track list e’ Te ruego’ che precede la Descarga finale ‘ Guillaume’ che contiene un bell’ assolo del timbalero Abraham Mansfarrol.
Cd da non perdere per chi ama il sound d’ epoca delle big band, meno consigliato per i dj’s pur se le prime due tracce e la descarga finale ( diminuendo le bpm ) possono essere usate in pista.
L’album e’ acquistabile attraverso il portale francese FNAC.

Dj Simon & Roberto Rabbi

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here