M.E.I. – MEETING DELLE ETICHETTE INDIPENDENTI

Nei gioni 27 – 28 e 29 novembre appena trascorsi si è svolta presso il Centro
Fieristico di Faenza la XIII edizione del M.E.I.Meeting
delle Etichette Indipendenti
, una rassegna discografica e di musica
indipendente italiana, con live di qualità, dibattiti, convegni e premiazioni.
Il M.E.I. è ormai diventato, per tutti gli operatori del settore musicale, un
appuntamento imprescindibile per capire qual’è la fotografia della nuova scena
musicale indipendente ed emergente italiana, sia dal punto di vista artistico
che dal punto di vista dei temi da approfondire.
Con l’occasione ringrazio Chiara Ferri, della casa discografica Level
49
, che mi ha invitato nella giornata di domenica 29 e mi ha dato la
possibilità di gustarmi varie iniziative, vedermi passare a fianco gli Zero
Assoluto
e conoscere personaggi quali Piero Cademartori, editore Zona
e relatore nel dibattito ‘Libri e Musica. Lavorare insieme per la musica
italiana
’ e Mario De Luigi, direttore della rivista ‘Musica & Dischi’
al quale ho domandato: “ma un piccolo spazio per la musica latina non si può
trovare?” e lui, molto semplicemente: “e perché no!”.
Fatta questa premessa devo precisare che la varietà di generi musicali
rappresentata era molto ampia, ma gli spazi riservati alla musica latina erano
minimi.
Cercando cercando qualche spunto l’ho trovato.
Presso lo stand ‘Borgatti Edizioni Musicali’ (Casalecchio di Reno – BO)
ho trovato, tra i vari generi proposti dalla casa discografica, il cd ‘Alma
Latina Vol. 1
’, già recensito da Roberto Rabbi il 26.05.2007.
L’aspetto più curioso è stato lo stupore nel vedermi acquistare in maniera così
decisa il cd in quel contesto di musica alternativa, fino a che non gli ho
spiegato la mia particolare passione per questo genere.
Con l’occasione il Dott. Borgatti mi ha anticipato una prossima uscita di ‘Alma
Latina Vol. 2
’ e, pertanto, chi aveva apprezzato la produzione firmata
Maurizio Moretti
(tastiere, arrangiamenti), Frank Betancourt Varela
(arrangiamenti, chitarra e flauto), Yudary Salguero Lopez (voce e cori),
Luca Mattioni (percussioni), Massimo Morganti (trombone),
Yassier Merlet
(tromba), Yovanni Navarro Diaz “Chino” e Cristina
Spadoni
(voci), con la collaborazione del DJ Morris, dovrebbe essere
accontentato.
Lo stand più esaustivo per i nostri gusti era quello proposto dall’etichetta ‘3SoundRecord’,
con in bella vista produzioni a voi note quali ‘Atacando’ di Seo Fernandez,
nonché l cd-singoli di bachata “Miradas” di Henry B e “Fantasia
Es
” dei LatinGroove e Marco Ferretti, con la voce di Pedro
Gonzalez
.
Infine concludo con una chicca non adatta alle serate salsere, ma da gustarsi a
casa.
In mezzo ad una moltitudine di cd di world-music ho scovato ‘Mambo Sinuendo
una produzione del 2002 nella quale Ry Cooder (il realizzatore di Buena
Vista Social Club) tornava sulle scene come musicista e produttore nello stesso
disco.
Insieme a Manuel Galban, nome di primo piano della modernizzazione del
pop sull’isola di Fidel, la produzione, praticamente tutta strumentale, è un
omaggio al jazz – mambo degli anni ’50 e ’60, ai grandi nomi quali Ignacio
Pineiro
, Ernesto Lecuona, Arsenio Rodriguez e in onore di
Perez Prado
, una versione della celebre canzone “Patricia”.

Andrea Mantelli ‘il geometra della salsa’

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here