Rafael Labasta

Ho trovato un cd non segnalato nell’apposita rubrica di ‘Salsa.it’..…cosa
assai rara….e, pertanto, questa volta mi dedico ad una biografia/recensione.
L’album in questione è “Con su salsa….y basta” di Rafael Labasta, un
attempato trombettista di origine dominicana, profeta fuori dalla sua terra, in
quanto le sue qualità sono state riconosciute soprattutto nella sua seconda
patria, la Repubblica di Panama.
Con questo album Rafael ci propone un vario repertorio di ‘musica vieja’ e,
pertanto, non è certo una produzione che si addice a chi si è avvicinato da poco
ai ritmi latini.
Infatti, nonostante il titolo possa ingannare, di salsa vera e propria non nè
troverete, anche se i bravi ballerini si possono lasciar andare sulla guaracha ‘De
Repente
’, mentre gli amanti dei pasitos possono scatenare la loro fantasia
sulla descarga ‘Asi Soy Yo’.
Invece consiglio vivamente questo cd a tutti coloro che non vogliono solo
ascoltare la musica salsa più commerciale, ma desiderano approfondire i vari
ritmi da cui essa attinge, come i due brani di rumba guaguancò ‘Velorio
e ‘Para morir iguales’ o la guaracha ‘Yo soy la candela’, il
calypso ‘Curaçao’ o la cumbia guaracha ‘Mercy’.
Se invece volete il vostro momento romantico ci sono due boleri : ‘No la
quiero mas
’ e ‘Te necesito’ ed anche un pizzico di Italia con la
versione balada della mitica canzone di Mina ‘Grande Grande’,
interpretata da Zaima Beleño.
Rafael Labasta, ora settantenne, ha firmato più di 25 produzioni, con una
carriera ricca di riconoscimenti, accompagnando, come direttore d’orchestra,
cantanti quali Harry Belafonte, Donna Summer, Charles Aznavour, Sammy Davis
Jr.
e Barry White per citarne alcuni nell’ambito della musica
internazionale, mentre ha lavorato praticamente con tutte le grandi stelle della
musica latina quali Tito Puente, Pete “Conde” Rodriguez, La Lupe, Cheo
Feliciano, Tommy Olivencia, Cortijo y su Combo, Machito, Tito Rodriguez, Willie
Rosario, Marvin Santiago, Oscar d’Leon
, e l’elenco potrebbe continuare.
Questa è l’affermazione che più lo rappresenta: “la musica es mi religión y la
trompeta es mi compañia”.

Fonti informative :
retro copertina ‘Con su Salsa…y Basta’;
website: levar.typepad.com/dominicana;
website: hoy.com.do/alegria/2009;
website: herencialatina.com/Rafael_Labasta;

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here