VOY A PEDIR SU MANO – Juan Luis Guerra

Testo
Traduzione
Voy a pedir su mano
al amor hay que dar de beber
voy a cortar un ramo de nubes
para mojar su querer

Voy a bajar por los yayales**
en una yagua** de tul
voy a pintar los manatiales
con óleos de cielo azul

Voy a prender tu cariñito
como cocuyo en el mar
y voy a hacerte un traje de novia
con hojas del platanal

Viene a pedir mi mano, viene
vamos a sonar unos palos**
para que me quiera por siempre

Que su amor sea verdadero, ¡oh!
pa que me quiera, ¡ay!

Viene a pedir mi mano, viene
vamo a sonar unos palos
pa que me quiera por siempre

Pa yo prender mi lucero
pa que me quiera, ¡ay!
viene a pedir mi mano, viene

Y cuando tenga tu permiso
voy a volar Norte a Sur
para buscar arriba del pino
el nido que quieras tú

Voy a prender tu cariñito
como cocuyo en el mar
y voy a hacerte un traje e novia
con hojas del platanal

Y acariciarte en la mañana
y arroparte con el sol
y desvestir a los guandules
pa alimentar el amor

Viene a pedir mi mano, viene
vamo a sonar unos palos
pa que me quiera por siempre

Que su amor sea verdadero, oh!
pa que me quiera, ¡ay!

Viene a pedir mi mano, viene
vamo a sonar unos palos
pa que me quiera por siempre

Pa yo prender mi lucero
pa que me quiera, ¡ay!
viene a pedir mi mano, viene

¡Oye!

 

Chiedo la sua mano 
all’amore bisogna dare da bere 
taglio un ramo di nuvole 
per bagnare il suo amore 

Scendo per gli yayales** 
in una yagua** di tulle 
dipingo le sorgenti 
con olii di cielo azzurro 

Prendo il tuo affetto 
come una Lucciola nel mare 
e ti faccio un abito da fidanzata 
con foglie di Banano 


Vieni a chiedere la mia mano, vieni 
suoniamo alcuni
palos** 

affinché mi ami per sempre
 

Che il suo amore sia vero, oh! 

perché  mi ami, ahi!
 


Vieni a chiedere la mia mano, vieni 
suoniamo alcuni
palos** 

affinché mi ami per sempre 

perché io possa afferrare la mia stella 

perché  mi ami, ahi! 
vieni a chiedere la mia mano, vieni 

E quando avrò il tuo permesso 
volerò da Nord a Sud 
per cercare sopra di un pino 
il nido che tu vuoi 

Prendo il tuo affetto 
come una lucciola nel mare 
e ti faccio un abito da fidanzata 
con foglie di banano 

Ed accarezzarti nella mattina 
e coprirti col il sole 
e svestire i piselli 
per alimentare l’amore 


Vieni a chiedere la mia mano, vieni 
suoniamo alcuni
palos** 

affinché mi ami per sempre
 

Che il suo amore sia vero, oh! 

perché  mi ami, ahi! 
 


Vieni a chiedere la mia mano, vieni 
suoniamo alcuni
palos** 

affinché mi ami per sempre 

perché io possa afferrare la mia stella 

perché  mi ami, ahi! 
vieni a chiedere la mia mano, vieni 


Senti!

**

YAYALES
Sono i pendii delle colline

**YAGUA
La Yagua è parte del fusto di una palma reale usata come mangiatoia
per i maiali
oppure come slitta dai bambini che dentro di essa discendo le colline

palos** Nome di un certo tipo di tamburo africano, e per estensione è richiamato anche così ad un ballo al ritmo dei timpani. Il tocco dei timpani ha connotazioni altamente religiose, un esempio del sincretismo tra la religione cattolica e le religioni africane, e si suonano solamente in determinate festività, in alcuni regioni del paese. L’uso dell’espressione suoniamo alcuni pali affinché mi ami per sempre si interpreta come una domanda di intervento divino a beneficio dell’innamorata.

Autore: J.L.Guerra – L.Liguasi
Traduzione a cura di Francisco Rojos

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here