Grupo Aventura

0
85

Il Grupo Aventura ad oggi è
l’unica band che sia riuscita nell’intento di far conoscere la musica latino
americana sul nostro territorio nazionale aprendo una breccia nel mondo pop e
diventando un fenomeno commerciale proposto da quei media che fino ad allora
commercializzavano solo canzoni di solito impiegate solo come balli di gruppo
che oscuravano la vera natura della musica caraibica e cioè Salsa, Bachata,
Merengue, Cha cha cha ecc.
Questo è un aggiornamento della storia di questa band che continua a sfornare un
album più bello dell’altro ed ancora una volta vi proponiamo la storia
riaggiornata ad oggi (agosto 2005), del gruppo dove potrete anche aggiungere
altre notizie dall’intervista
che la band ha concesso a Salsa.it in occasione del loro concerto tenuto
l’estate del 2002 nella cornice del festival latino americano di Milano.
Il gruppo Aventura è formato
da 10 elementi, ma sulle copertine degli album sono presenti solo 4 ragazzi che
sono: il cantante principale Anthony Santos, la
seconda voce, Henry Santos, il chitarrista Lenny
Santos ed il bassista Max Santos. L’evidente caso di omonimia fa capire la
stretta parentela che intercorre fra di loro tutti originari della Repubblica di
Santo Domingo ma nati (tutti tra il 1979 ed il 1982) e residenti nel Bronx di
New York. Gli altri componenti del gruppo sono Toby, Sammy, Wilmo, Ronny, Alexis
e Judy Santos.
Questo è stato uno dei pochissimi gruppi della Grande Mela ad uscire dal ghetto
imponendo la propria musica alla gente con uno stile unico che come dice Anthony
nell’intervista rilasciata a Salsa.it ” non hanno inventato la bachata ma
sicuramente l’hanno cambiata.
Lenny Santos, produttore e chitarrista del gruppo fin da piccolo ascolta musica
rock ed è da qui che a 15 anni con 30 dollari si è comprato la prima chitarra e
con la determinazione che lo contraddistingue si è allenato fino a diventare un
bravissimo musicista. Allo stesso modo suo fratello minore Max già a dodici anni
ha impugnato il suo primo basso sempre aiutato però dal fratello dal quale ha
imparato a leggere spartiti e note musicali facendolo esercitare assiduamente
nell’accordo di sole tre note finchè è diventato talmente bravo da accompagnare
a casa sua i brani di gruppi come i Metallica, i Guns’N Roses o i più famosi
bachateri dell’epoca.
Lenny a 16 anni formò la prima band chiamata “La Banda Suena” insieme a suo
fratello e suo cugino che faceva il vocalist. Raccimolavano qualche spicciolo
suonando davanti a Bodegas proponendo la musica simbolo del loro paese
d’origine: la bachata.
La Banda Suena come la maggior parte dei gruppi New Yorkesi non funzionava ma
Lenny non mollò e cercò un nuovo vocalist finchè il suo bonguero, Ronny
Fernandez nel 1995 gli presentò un suo amico di nome Anthony Santos che a sua
volta era in cerca con suo cugino Henry di una band in cui poter cantare.
I quattro si incontrarono e subito si sono trovati d’accordo stupiti a vicenda
per le bravure artistiche di ognuno ed anche per la bellezza dei testi che
abitualmente Anthony scriveva di proprio pugno.
Si creò quindi un nuovo gruppo chiamato “Los Tinelles” dove Anthony, appunto,
scriveva e cantava mentre Lenny produceva oltre a fare il chitarrista.
Los Tinelles dopo aver partecipato a più di 100 feste incontrarono Carlos Dalmasi il mago che conosceva tutto sulla musica e sulle sue sfumature come dissero poi i quattro. Dalmasi vide una grande possibilità di crescita in loro e si adoperò in tutto e per tutto al fine di aiutarli a raffinarsi musicalmente tanto da fargli registrare il loro primo album “Los Tinelles” che tranne in qualche angolo della Pennsylvania non riscontrò alcun successo.
Incontrarono poi Julio Cesar al quale va dato il merito di aver cambiato il nome
della band in Grupo Aventura. Questo produttore capì che l’immagine del gruppo
doveva essere gestita dai quattro ragazzi che abitualmente sono sulla faccia
principale delle copertine degli album mantenendo però invariato il numero dei
componenti della formazione ed appunto cambiando il nome in Aventura.
All’inizio ai ragazzi non piacque affatto questo nome ma ad oggi mai nome fu più
azzeccato poichè stanno vivendo proprio una bellissima avventura.
Cesar aiutò molto il gruppo nella registrazione del loro secondo album, primo
sotto il nuovo nome. Il titolo di questo lavoro è “Generation Next” del 1997.
E l’anno dell’esplosione del fenomeno Aventura. Il disco ricevette premi su
premi e la canzone “Cuando Volveras” arrivò nelle radio occupando i primi posti in quasi tutte le hit charts varcando così l’oceano facendosi conoscere al mondo
intero.
Il gruppo però era deciso a non sedersi sugli allori ma volevano cercare di fare
sempre di più.
Si aggiunse quindi al gruppo Toby Rivera un bravissimo cantante che oggi fa da
corista e nei concerti quando non c’è la voce femminile Judy Santos, la può
sostituire talmente bene che se si ascolta un loro concerto senza guardare non
si capisce che ad interpretare la voce di una donna è un uomo, Toby appunto.
Con il nuovo acquisto si cercarono nuove sonorità da aggiungere alla loro
bachata e così si creò un fusion di Hip Hop, R&B e salsa che vennero impiegati
ai loro brani e che nel luglio 2002 sfociò nel lancio del loro nuovo disco “We
Broke the Rules” che ha segnato la consacrazione del gruppo come migliori
bachateri del mondo.
Questo disco dopo una settimana dall’uscita vendette 60.000 su 100.000
disponibili. La canzone simbolo questa volta si intitola Obsesion cantata da
Anthony e Judy Santos ma non è solo quella, tutto l’album è un susseguirsi di
canzoni una più bella dell’altra: “Todavia me Amas”, “I Believe”, “Perdi el control” (con chiaro riferimento alla colonna sonora del film “Beverly Hills Cop”)
“Amor de Madre” ecc.
E’ il successo planetario, Aventura riceve il premio come miglior gruppo
dell’anno, miglior gruppo rivelazione in varie parti del mondo, nominations ai
premi Grammy notorietà ai livelli che solo la musica pop poteva dare oltre alla
creazione di un nuovo stile musicale. Gruppi che suonano le loro canzoni,
viaggi, concerti all’estero e da noi il fenomeno, nonostante le loro canzoni
siano presenti da anni in Italia, è scoppiato alla fine di quest’estate
facendosi conoscere su scala nazionale.
Ed hanno solo poco più di 20
anni …

Siamo alla fine del 2003 ed una volta esauritosi il successo di Obsesion i mass
media non si sono fermati a quel solo singolo ma hanno continuato a credere nel
fenomeno Aventura ripescando dall’album Generation Next la tanto amata “Cuando
Volveras” che a distanza di ben quattro anni ha rifatto la sua trionfale
comparsa conquistando anche tutti coloro che non avevano mai sentito questo che
fu il primo grande successo dei quattro Santos.
Intanto a Metà novembre Aventura lancia sul mercato la loro terza fatica “Love
and Hate- Amor y odio” dove il singolo “Hermanita” scala subito le vette di tutte le classifiche mondiali. Anche i Mass Media Italiani aiutati dalla spinta
della casa discografica nostrana del Gruppo, la Planet Records, non si sono
lasciati perdere questo brano cosìcche dopo qualche tempo in tutte le radio e
trasmissioni televisive trasmettono questo singolo che da nuovamente lustro per
le esibizioni live del Gruppo.
Più volte dopo il 2002 infatti il gruppo Aventura è tornato nel nostro paese
riscuotendo ogni volta un successo incredibile per un gruppo che suona musica
latino americana e da questo successo ne sono scatuiriti dei fans club ufficiali
e soprattutto la nascita del loro primo sito ufficiale all’indirizzo

www.aventuraworldwide.com
all’interno del quale potrete trovare finalmente
tutto ciò che riguarda i 4 ragazzi del bronx persino un forum ed una chat nel
quale ogni tanto i boys si ritrovano per chattare con i propri fans.
Il tempo corre ed in un batter d’occhio siamo gia nel 2005 e per coloro che
credevano che Aventura fosse solo un fenomeno legato alla moda si è dovuto
ricredere perchè il 26 aprile di quest’anno è uscito un nuovo capolavoro della
band : infatti con “God’s Project” Aventura in meno di un mese ha gia vinto un
disco di platino negli Stati Uniti, mentre in Italia il singolo “Angelito” è
stato subito trasmesso dai mass media riscuotendo un notevole successo. Ma
questo disco è pieno di bellissime canzoni come “La Boda” e soprattutto “Un Beso”
che ci da ancora di più la dimostrazione di come Aventura sia il gruppo che ha
veramente cambiato il modo di suonare e di creare la Bachata. In questo disco ci
sono contaminazioni di Hip Hop, al quale già siamo stati abituati a sentire, ma
ci sono anche novità sonore come la fusione del ritmo Punjabi e del Flamenco
alla bachata. Un successo strameritato per questo gruppo che ancora una volta si
sono dimostrati gli indiscussi numeri uno del genere e se ogni loro lavoro è
sempre un successo ci sarà un perchè …

Lascia un commento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here